7 Aprile 2020

Torna la rubrica #AskMe sul profilo ufficiale Instagram del club. Il sesto protagonista è Nicolas Bresciani.

"Sto bene - esordisce - ho praticamente completato la riabilitazione. Sto seguendo la scheda che il prof Nocera ci ha inviato e non vedo l'ora di tornare a giocare. In questo momento mi trovo nel mio paesino in Toscana. Cerco di fare qualche lavoretto a casa e guardo serie tv".

Meglio quarto di difesa o quinto di centrocampo?

"Ho fatto entrambi, ma anche la mezz'ala e il quarto di centrocampo. Devo dire però che da quinto mi trovo più a mi agio. Posso spingere di più e cercare la via del gol".

L'idolo?

"Più che idolo direi i calciatori che seguo da vicino. Direi Marcelo del Real e Robertson del Liverpool".

La scalata dalla Promozione fino alla Serie C dà ancora più valore alla tua posizione attuale?

"Assolutamente sì. Sono esperienze che ti fortificano psicologicamente e accrescono la personalità".

Ravenna cosa ti ha lasciato?

"E' una bellissima città. Ho stretto un grande legame con la sua gente, calorosa e disponibile".

Il giocatore più forte con cui hai giocato?

"Direi i compagni di quest'anno. Denis, Reginaldo e Bellomo, anche se quest'ultimo mi ha sorpreso particolarmente".

E la partita migliore in amaranto?

"A Terni, ho trovato anche la via del gol (ride, ndr)".

Cosa ne pensi di mister Toscano?

"Non lo conoscevo personalmente, ma me ne avevano parlato bene. E' uno che ti trasmette tanto e si ha molto da imparare".

Il gesto del presidente Gallo?

"Ha sempre pensato al benessere della società. Dai lavori al centro sportivo Sant'Agata alle 'carezze' a noi calciatori: non possiamo che dirgli grazie".

Rimarresti a Reggio?

"Molto dipende dal Livorno. Io a Reggio sto bene, la città è accogliente e la piazza è davvero importante".

Menu principale

Seguici su